Focus NBA Traduzioni

La folle storia del draft, dello scambio e del ritorno di Marc Gasol ai Lakers

Lettura 16 Minuti

Pochi sanno che prima di essere un Grizzlies, Marc Gasol è stato draftato dai Lakers durante una notte piena di alcol a Ibizia in compagnia di Navarro e suo fratello Pau. Bill Oram di The Athletic ha raccontato come, quando e perché, il figlio minore dei Gasol sia finito controvoglia a Los Angeles, per poi passare a Memphis e qui diventare l’uomo franchigia.

Vi proponiamo quindi la traduzione dell’articolo: una piccola storia da gustare durante queste feste.




Mitch Kupchak è sempre stato particolarmente attento nelle serate dei draft. Ed esigeva calma nel momento della chiamata dei Lakers. Adam Filippi lo sapeva. Ne aveva già passate una mezza dozzina. Ma il 28 giugno 2007 Kupchak non aveva ancora annunciato cosa avrebbero fatto i Lakers con la 48° scelta, e mentre gli scout dei Lakers si stringevano intorno alla porta dell’ufficio di Kupchak, il 35enne direttore dello scouting internazionale della squadra semplicemente non poteva trattenersi.

Andiamo con Marc, giusto?“, sbottò Filippi. “Andiamo con Marc?“.

Kupchak gli lanciò uno sguardo gelido. Era uno sguardo, Filippi avrebbe ricordato più tardi, che sembrava dire: “Adam, fatti gli affari tuoi“. Alla fine, il general manager di lunga data dei Lakers rispose: “Sceglieremo attraverso la lavagna“. La lavagna era la bibbia di Kupchak. Si fidava di essa. Nel corso degli anni aveva guidato molte scelte di successo del draft.

I nomi dei primi 60 potenziali prospetti del draft erano stati scritti su una lavagna cancellabile a secco nella sala operativa all’interno della palestra di allenamento dei Lakers a El Segundo, California. I colori erano coordinati in base all’anno universitario in cui i ragazzi si erano resi eleggibili. Quando un giocatore veniva scelto, quel nome veniva cancellato.

A Mitch piaceva dire che anche un segretario avrebbe potuto occuparsi del draft“, ha affermato l’ex assistente al general manager Ronnie Lester. “Tutto quello che doveva fare era guardare il tabellone, vedere chi era rimasto e scegliere quel giocatore“.

Filippi lanciò un’occhiata ansiosa alla lavagna e tirò un sospiro di sollievo quando vide che il nome più alto rimasto era scritto in verde. Il verde era il colore per i giocatori internazionali. Diceva: Marc Gasol. Kupchak scelse.

È una famosa nota a piè di pagina della storia della NBA. Prima che Marc Gasol diventasse un tre volte All-Star, centro nella prima squadra All-NBA, difensore dell’anno e campione NBA con i Toronto Raptors, fu scelto per la prima volta dai Los Angeles Lakers, e poi, prima ancora di giocare con loro, fu scambiato con Memphis per il fratello All-Star, Pau.

Quando l’abbiamo draftato“, ha detto Kupchak, ora presidente delle operazioni di basket degli Charlotte Hornets, “era ancora sovrappeso e, nella migliore delle ipotesi, era un diamante grezzo. Nella migliore delle ipotesi“.

Allora come ha fatto Marc Gasol a diventare un Laker nel 2007? Come poteva un front office che era nel mezzo di una guerra per la richiesta di cessione di Kobe Bryant avere la lucidità per sapere cosa stava ottenendo con la 48° scelta? Che questo grosso fratello minore di un All-Star, dai capelli flosci, avesse il potenziale per trasformarsi in uno dei migliori centri attuali?

O sono stati solo fortunati?

I fratelli Gasol
The Gasols

Una volta che i fratelli Gasol furono scambiati l’uno per l’altro, la risposta a quelle domande non sembrò mai particolarmente rilevante. Nessuno l’avrebbe mai chiesto. Probabilmente sarebbe andato perduto nella storia, il genere di cose che viene raccontato occasionalmente alle cene, se Gasol non avesse firmato un contratto da free agent nel novembre 2020 riunendosi alla franchigia che lo ha selezionato più di 13 anni fa.

La storia di quella scelta inizia in un torneo di scuola superiore in Virginia e attraversa diverse volte l’Oceano Atlantico, con tappe a Barcellona, ​​Memphis, Los Angeles e, cosa più improbabile di tutte, su un’isola al largo della costa della Spagna dove la gente di solito va per perdersi, non per farsi scoprire.

Eppure, è esattamente dove si trovava il futuro grande centro della NBA nel momento esatto in cui Kupchak ha preso il suo telefono e ha reso Filippi lo scout più felice del mondo: a Ibiza, bello ubriaco e soprattutto stanco di aspettare di sentire chiamare il suo nome, senza nessun indizio su cosa stesse accadendo a mezzo mondo di distanza.

Gasol ha raccontato questa parte della storia con un sorriso sbilenco e mesto. “Non farne una questione di shottini“, mi ha detto.

Ogni serie di scelte sbagliate inizia con una decisione fatale.

Questo ci aiuta a spiegare come, non molto tempo prima che il sole sorgesse sul Mediterraneo, un Marc Gasol di 22 anni finì svenuto in una casa in affitto e suo fratello Pau, in qualche modo ancora in piedi, cercò di svegliarlo dal suo sonno e dargli la buona notizia.

I fratelli Gasol erano in vacanza con un gruppo che includeva il loro amico della nazionale Juan Carlos Navarro. Ogni giugno gli spagnoli si riunivano sull’isola paradisiaca nota per le sue feste in spiaggia a base di alcol. Affittavano una casa e qualche volta una barca, e cercavano di rilassarsi dopo le rispettive stagioni: Navarro e Marc con i loro club spagnoli e Pau con i Memphis Grizzlies.

La notte del 28 giugno era iniziata abbastanza innocentemente. Marc Gasol era idoneo per il Draft NBA che si stava svolgendo al Madison Square Garden, ma non era particolarmente coinvolto dai risultati. Il suo contratto con il Barcellona gli aveva impedito di partecipare a qualsiasi allenamento pre-draft negli Stati Uniti e, nonostante il successo di Pau a Memphis, Marc non si era mai veramente considerato un giocatore da NBA.


Articoli collegati
Focus NBA

Pagellone NBA stagione 2020-2021: Eastern Conference

Lettura 13 Minuti
Per quanto riguarda la Eastern Conference, la stagione NBA ha regalato diverse sorprese e alcune delusioni fin dalla regular season. Vediamo insieme…
Focus NBA

Pagellone NBA stagione 2020-2021: Western Conference

Lettura 13 Minuti
La stagione NBA 2020-2021 non ha riservato grossissime sorprese per quanto riguarda la Western Conference, o almeno in riferimento alla regular season:…
Focus NBA

Milwaukee Bucks 2020/21, We are the Champions

Lettura 10 Minuti
Al termine di una stagione difficilissima, caratterizzata dalle incertezze legate alla pandemia e dagli infortuni eccellenti, i Milwaukeee Bucks si sono laureati…