NBA

Draymond Green: “Sono il difensore più forte di sempre”

Lettura 1 Minuti

Come riportato da NBC Sports, durante un suo intervento nel podcast “Dubs Talk” Draymond Green ha parlato delle sue capacità difensive, affermando di essere il miglior difensore di sempre.

“Penso di essere il miglior difensore che questo sport abbia mai visto. Mi metto sopra chiunque, al 100%. Questa è la mia opinione. Penso inoltre di vedere la pallacanestro in modo molto diverso rispetto alla maggior parte dei giocatori, da una diversa prospettiva.
Quando si guarda alle cose che rendono un giocatore un grande difensore si prendono in considerazione il tempo di reazione, la durezza, la capacità di leggere le situazioni con grande anticipo e, cosa più importante nella chiusura dell’azione difensiva, prendere il rimbalzo. E credo di essere un gran rimbalzista. Quando guardo a tutte le sfaccettature che contano nella metà campo difensiva, credo di essere grande in ognuna di esse”

Affermazioni che sicuramente fanno discutere e sulle quali ognuno può crearsi una sua opinione. Se guardassimo solo alle statistiche (rimbalzi, palle rubate, rimbalzi, Defensive Rating) ci si farebbe una grossa risata, ma se si osserva quando fatto in campo dal #23 dei Warriors – ovvero tutte le cose che non rientrano nelle statistiche – le cose cambiano. Senza sbilanciarci troppo potremmo affermare che sicuramente si tratta di uno dei migliori difensori di sempre, ma è difficile (o improbabile) dire che si possa mettere in testa a tutti. Considerando anche, come di consueto in dibattiti del genere, che è difficile fare paragoni tra epoche diverse.

Il primo a rispondere alle parole di Green, sentendosi chiamato in causa, è stato Tony Allen, che tramite il suo account Twitter ha utilizzato una citazione di Jay Z per dire dimostrare il suo dissenso. Allen si è spesso autodefinito a sua volta il miglior difensore di sempre, ricevendo le approvazioni da parte di Kobe Bryant e Kevin Durant.
Green gli ha successivamente ricordato che i Warriors nel 2015 gli sono passati sopra nella corsa verso il titolo e che da quell’anno le sue quotazioni sono calate. Va comunque ricordato che l’ex Memphis Grizzlies in quell’occasione non era più un giovanotto (33 anni) e si stava apprestando a chiudere la sua carriera (durata altre tre stagioni).


Articoli collegati
Focus NBA

Il Ballo dei Debuttanti: il verdetto

Lettura 3 Minuti
Se la NBA ha già comunicato da qualche giorno le sue decisioni in merito ai riconoscimenti riservati alle matricole, oggi è il…
Focus NBA

IL Ballo dei Debuttanti

Lettura 4 Minuti
Penultimo appuntamento con la nostra rubrica dedicata alle matricole. Andiamo a verificare l’andamento delle giovani speranze nell’ultimo mese di Regular Season. IL…
Focus NBA

L'ora di Scary Gary

Lettura 2 Minuti
La NBA si contraddistingue da sempre per le mosse di mercato che vengono operate dai vari front office. Le trade che vengono…