NBA

Coach Vogel accusa Paul: “Giocata sporca su LeBron”. CP3: “Non ho niente da dire”

Lettura 2 Minuti

Al termine di gara-1 tra Suns e Lakers, con Phoenix che si è portata in vantaggio, sono cominciate diverse discussioni riguardo al fallo commesso da Chris Paul su LeBron.

Ci troviamo nel quarto periodo, più precisamente a nove minuti dalla fine della partita, con LeBron James che è in lunetta per il secondo libero: errore, arriva Paul che nell’effettuare il taglia fuori trattiene il suo braccio sinistro per un istante, James ricade sulla spalla e rimane a terra un paio di minuti dolorante. Nel mentre, ad a qualche metro di distanza Cameron Payne spinge a terra Alex Caruso e diversi giocatori vanno faccia a faccia. Questa seconda situazione tuttavia non ci interessa.
Ora, il fallo di Paul è evidentissimo, ma si tratta di una giocata sporca? Stando alle immagini CP3 trattiene solo per un istante il braccio del suo avversario, che peraltro non sembra fare alcun movimento innaturale. La caduta poi è tutt’altro che violenta, visto che James tocca prima terra con il piede sinistro e poi si “adagia” con tutto il corpo. Di conseguenza, sebbene non sia una spintina o un fallo da asilo, non ci siano i presupposti per definirlo un fallo antisportivo e attuato per fare male.

Non è dello stesso parere, ovviamente, coach Vogel, che nel post partita ha affermato di considerare il fallo di Paul una giocata sporca: “Nel mio punto di vista si tratta di una taglia fuori aggressivo, una giocata pericolosa perché Bron è stato colpito mentre era in aria“.

A Chris Paul è stata chiesta una replica, ma i microfoni di Yahoo Sports si è limitato a dire: “Non niente da dire a riguardo. Stiamo semplicemente giocando a basket e lottando. Sono solo grato che abbiamo ottenuto la vittoria e ora sono concentrato su gara-2“. CP3 che tra l’altro ha poi aggiunto che a fine partita si è ritrovato a fianco di diversi giocatori dei Lakers, tra cui Anthony Davis, e nessuno gli ha detto qualcosa riguardo il fallo commesso. Tra l’altro i compagni di James non sono neanche intervenuti subito dopo il fallo.

Insomma, le parole di coach Vogel possono essere semplicemente un tentativo (riuscito in parte) di levare l’attenzione mediatica dai propri ragazzi. I gialloviola infatti hanno disputato una prova decisamente sottotono, in cui James è apparso praticamente senza fiato e Davis ha proseguito con le sue difficoltà offensive. L’ex Pelicans nel post partita ha addirittura affermato che la sconfitta è stata colpa sua, visto che “non c’è possibilità che vinciamo una partita se gioco in questa modo“.


Articoli collegati
Focus NBA

Il Ballo dei Debuttanti: il verdetto

Lettura 3 Minuti
Se la NBA ha già comunicato da qualche giorno le sue decisioni in merito ai riconoscimenti riservati alle matricole, oggi è il…
Focus NBA

IL Ballo dei Debuttanti

Lettura 4 Minuti
Penultimo appuntamento con la nostra rubrica dedicata alle matricole. Andiamo a verificare l’andamento delle giovani speranze nell’ultimo mese di Regular Season. IL…
Focus NBA

L'ora di Scary Gary

Lettura 2 Minuti
La NBA si contraddistingue da sempre per le mosse di mercato che vengono operate dai vari front office. Le trade che vengono…