Nets Rumors

I Nets sono disposti a cedere Kyrie Irving, ma mancano le offerte

Lettura 2 Minuti

Secondo quanto riportato da Ian Bagley, i Brooklyn Nets sarebbero ancora disposti a rinunciare a Kyrie irving, cercando una cessione via trade che possa garantire qualcosa di valido in cambio. Il problema è che se da un lato la franchigia newyorkese non alza per prima la cornetta, dall’altro non pervengono offerte dal resto della lega: qualche squadra avrà contattato sicuramente i Nets, ma non si è mosso mai nulla.

Brooklyn per ora continua così ad avere un giocatore in meno a disposizione e in più sul libro paga. Va comunque sottolineato che, considerando quanto successo dalla fine della scorsa stagione ad oggi, è difficile credere che una franchigia voglia fortemente Irving e sia disposta a cedere pezzi importanti del proprio roster. L’ipotesi più credibile è quindi quella dell’immobilismo: a fine stagione infatti il buon Kyrie dovrà decidere se esercitare o meno la propria player option (da 36.5 milioni) e solo in quel momento si potrà sapere a quale futuro andrà incontro il nativo di Melbourne, considerando anche l’evoluzione dell’ambiente circostante (in particolare il discorso relativo ai vaccini).

Alla scelta di Irving sarà poi quasi sicuramente legato il futuro di James Harden. Non dimentichiamoci infatti che l’ex Rockets ha deciso di non rinnovare in questo momento, pur rassicurando i tifosi che si tratta solo di un rinvio, e che a fine anno anche lui dovrà decidere cosa fare della propria player option (da quasi 46.9 milioni). Di base Harden ha diverse scelte (esercitare la player option e aspettare un altro anno, declinare la player option e rinnovare, declinare la player option e andarsene), ma in base a quello che deciderà Irving alla fine rimarrà una sola opzione.

Se l’ex Celtics e Cavaliers dovesse rimanere e la situazione non fornisse sufficienti sicurezze, il nativo di Los Angeles potrebbe decidere di cambiare lido (e in pole position ci sarebbero i Philadelphia 76ers), poco importa – almeno individualmente – se con una sign-and-trade o rifiutando semplicemente la propria player option. Mentre se Irving per qualsiasi motivo dovesse lasciare Brooklyn, si aprirebbero fondamentalmente tre strade: accettare la player option e aspettare un altro anno per valutare un rinnovo, rifiutare la player option e rinnovare a cifre importanti, rifiutare la player option e rivedere il proprio contratto rinunciando a cifre importanti per lasciare spazio d’azione ai Nets a livello salariale. La palla in queste situazioni passerebbe poi alla franchigia, che avrebbe il compito di firmare giocatori validi per mantenere lo status di contender e creare solide basi per la conquista di un titolo.

Articoli collegati
Rumors

Estate da paperoni per Nikola Jokic e Bradley Beal: pronti rinnovi da oltre 240 milioni

Lettura 1 Minuti
Dopo tutto quello che hanno fatto vedere sul parquet, con tempistiche e modalità diverse, anche Nikola Jokic e Bradley Beal si sono…
Celtics Rumors

Celtics, contratto biennale per Nik Stauskas

Lettura 1 Minuti
Come riportato da Adrian Wojnarowski, i Boston Celtics si rinforzano per l’ultima parte di stagione e i playoff: i biancoverdi hanno infatti…
Nets

Nets, nuova operazione alla caviglia per Joe Harris: stagione finita

Lettura 1 Minuti
Stagione finita, ma anche praticamente mai iniziata, per Joe Harris. Il giocatore sosterrà infatti una nuova operazione alla caviglia sinistra (dopo quella…