Focus NBA

La rincorsa di Cade

Lettura 2 Minuti

2 punti, 1/8 al tiro, 2 assist e 2 palle perse. Una serata davvero difficile da digerire, quella del 30 ottobre 2021, se ti chiami Cade Cunningham e, solo qualche mese prima, sei stato la prima scelta assoluta del Draft.

Sono passati tre mesi da quel terribile debutto, e Cunningham ha finalmente iniziato a mostrare quel talento che lo ha reso un prospetto imperdibile per la NBA. Un crescendo continuo, con un miglioramento costante di partita in partita, di settimana in settimana.
Se la sera del 28 novembre, nella gara contro i Lakers, Cade è diventato il più giovane Piston a registrare una tripla-doppia, a dicembre ha segnato 28 punti ai Thunder e 26 punti ai Nets, mentre a gennaio ha inflitto ai difensori di Denver ben 34 punti, suo nuovo career-high. Il risultato delle sfide ha arriso agli avversari, ma è andata meglio il 10 gennaio, quando con 29 punti ha costretto alla resa i rampanti Utah Jazz, incapaci di arginare la rimonta ispirata dalle sue iniziative.

Cade si districa agevolmente nel traffico della difesa di Brooklyn

I tifosi, e soprattutto il management, di Detroit possono tirare un sospiro di sollievo nel vedere quelle giocate che tanto avevano impressionato al college: il canestro con l’hesitation in palleggio ai danni di Durant, il passaggio schiacciato in transizione a Killian Hayes sempre contro i Nets, la conclusione in estensione contro le lunghe leve protese di Anthony Davis, la schiacciata ai danni della difesa di Portland dopo aver battuto dal palleggio C.J. McCollum, le stoppate ai danni di Robert Covington e Dennis Smith Jr nella gara contro i Blazers, la tripla con “shake and bake” ai danni di Royce O’Neale e l’appoggio al vetro dopo il crossover ai danni del malcapitato O’Neale nella vittoria contro Utah. Parliamo del manifesto di quello che potrà essere il futuro del giovane di Arlington.

Le statistiche dei mesi di dicembre e di gennaio (chiusi a quasi 18 punti, 5 rimbalzi e 6 assist di media, con il 39% da tre punti) rappresentano al meglio la maggiore sicurezza di Cade sul parquet. Anche il diretto interessato conferma le impressioni regalate dal campo: “Mi sento maggiormente in ritmo, adesso sto prendendo buoni tiri, dei tiri migliori rispetto a qualche settimana fa. Si tratta solo di lavorare e, quando arriva il momento della partita, lasciarsi tutto alle spalle e giocare a basket, la cosa che ho sempre fatto”.

Un segno d’intesta tra Cunningham e Grant

Tanta fiducia nasce anche dalla salute ritrovata: le partite saltate per l’infortunio alla caviglia sono state solo cinque, ma la sensazione è che l’articolazione caviglia lo abbia condizionato per molto più tempo. Un indizio lo troviamo nell’analisi delle soluzioni offensive. Se al college il tiro da tre punti rappresentava il 38% delle conclusioni totali (245 triple su 400 tiri complessivi), nel mese di novembre le triple rappresentavano oltre la metà delle conclusioni di Cade (112 su 217), mentre a dicembre e gennaio l’incidenza è al più normale 36% (128 su 346), segno inequivocabile che l’efficienza fisica gli permette di attaccare il canestro con la consueta esplosività.

Un’ascesa inesorabile che lo ha reso già il miglior realizzatore tra le matricole e gli ha permesso di aggiudicarsi il premio di “Rookie del Mese” della Eastern a gennaio. Il primo passo verso la conquista del premio di “Rookie dell’anno”, un traguardo che, solo un mese fa, sembrava irraggiungibile.  

Chissà che la caccia non si concluda davvero con l’ambito trofeo….

Articoli collegati
Focus NBA

Il Ballo dei Debuttanti: il verdetto

Lettura 3 Minuti
Se la NBA ha già comunicato da qualche giorno le sue decisioni in merito ai riconoscimenti riservati alle matricole, oggi è il…
Focus NCAA

Un anno sui banchi di scuola

Lettura 6 Minuti
E’ passato quasi un mese dalla sirena che ha chiuso la Final Four di New Orleans, quindi è arrivato il tempo di…
Focus NBA

IL Ballo dei Debuttanti

Lettura 4 Minuti
Penultimo appuntamento con la nostra rubrica dedicata alle matricole. Andiamo a verificare l’andamento delle giovani speranze nell’ultimo mese di Regular Season. IL…